You are here: Home » Didattica/Teaching » Istruzioni per GNU C

Istruzioni per l'installazione e l'uso del compilatore Cygwin GNU C e dell'editor Notepad++

Prerequisiti

  • Computer con sistema operativo Windows 98 o successivo (per Linux e MacOS X il compilatore è presente nella distribuzione iniziale)

Installazione di cygwin da file

  • Reperire il materiale didattico del corso (dal docente)
  • Eseguire il file setup.exe. Si proceda selezionando Install from local directory nella prima finestra di dialogo, e accettando tutti i default proposti dal programma di installazione. Quando appare la finestra in cui appaiono i pacchetti da installare, selezionare dalla categoriaDevel i pacchetti gccgdb. Per tutti gli altri pacchetti accettare la scelta di default. L'installazione richiede pochi minuti.
  • Verifica dell'installazione: Al termine dell'installazione il programma avrà creato un'icona (presente sia sul desktop che sul menù Avvio) con nome Cygwin. Cliccando su tale icona si apre una finestra con interfaccia a linea di comandi il cui prompt è il carattere '$'. A questo punto, per verificare se il compilatore è stato installato correttamente si può digitare "gcc -v" e si otterrà un messaggio del tipo:

        Reading specs from ...
        gcc version ... (cygwin ...)
    

Installazione di Notepad++

  • Eseguire il file npp.5.5.Installer.exe accettando tutti i default proposti dal programma di installazione. Anche questa installazione richiede pochi minuti.
  • Verifica dell'installazione: Al termine dell'installazione il programma avrà creato un'icona (presente sia sul desktop che sul menù Avvio) con nome Notepad++.

  • Nota: L'uso dell'editor di testi Notepad++ non è obbligatorio, ma semplicemente consigliato. Qualsiasi altro editor che permetta di salvare i programmi in formato testo va altrettanto bene.

Utilizzo

  • Scrivere il programma in un file (nella propria cartella di lavoro) in modalità solo testo. Dare al file l'estensione .c per programma in C e.cpp per programmi in C++.

  • Aprire la finestra bash di lavoro del compilatore partendo dal menu Start di Windows o cliccando sull'icona sul Desktop. Rendere la propria cartella di lavoro la cartella corrente della bash con i seguenti comandi seguiti ciascuno da Invio (assumendo che la cartella di lavoro sia C:/Mario/Programmi)
        $ cd c:/
        $ cd Mario
        $ cd Programmi
    
    
    Possono risultare utili i comandi pwd per conoscere la cartella corrente e ls per conoscerne il contenuto.
    Nel caso si debba cambiare disco, ad esempio il disco D, usare il comando cd d:
  • Supponendo che il programma sia nel file Ciao.c (presente nella cartella corrente), compilare il programma con il seguente comando.
         $ gcc -Wall -o Ciao.exe Ciao.c
    
    
    Se la compilazione dà errori, modificare il programma usando l'editor, salvare il file e ripetere la compilazione. Per i programmi in C++ usare g++ invece di gcc.
  • Quando la compilazione è terminata correttamente eseguire il programma con il comando
         $ ./Ciao.exe
    
  • Nota: i cammini nelle cartelle sono identificati dalla barra dritta / (stile Unix/Linux) e non dalla barra rovesciata \ (stile Dos).
  • Consigli utili:
    • le frecce in alto e in basso sulla tastiera permettono di richiamare i comandi eseguiti precedentemente;
    • l'opzione aggiuntiva -Wall nel comando di compilazione rende la compilazione più lenta, ma permette di avere maggiori informazioni sul programma (sotto forma di warning).

Cose da non fare

  • E' assolutamente sconsigliato, nonché frequente causa di problemi e di fallimento dell'installazione e dell'utilizzo del compilatore:
    • modificare i parametri proposti dal programma di installazione
    • installare il compilatore in una cartella diversa da C:\CYGWIN
    • creare i file C e compilare i programmi nelle cartelle dove è stato installato il compilatore: se l'installazione è stata eseguita correttamente, il comando di compilazione ("gcc") deve funzionare in qualsiasi cartella.

Navigation

News

19/01/09
Category: Didattica
Si avvisano gli studenti che si presenteranno (non si presenteranno) all'esame non essendosi iscritti (non avendo cancellato la propria iscrizione) che dovranno svolgere un esercizio aggiuntivo.